Salta al contenuto principale
foto4

foto2

foto3foto1

INSIEME,

troviamo soluzioni

 
comprimi barra di ricerca
 

Briciole di pane

Home / Modifiche dei criteri e delle modalità per la concessione dei contributi alle imprese

Modifiche dei criteri e delle modalità per la concessione dei contributi alle imprese

Misure a sostegno degli operatori economici che impegnano fino a undici addetti e che hanno subito gravi danni in conseguenza del COVID-19

24/07/2020

Con delibera n. 1026 del 17 luglio 2020, la Giunta Provinciale, modificando la precedente delibera n. 657 di data 19 maggio 2020, ha approvato le modifiche dei criteri e delle modalità  per la concessione dei contributi previsti dall’art. 5 della legge provinciale n. 3 del 13 maggio 2020.

Riportiamo di seguito le modifiche (evidenziate in grassetto) con riferimento a:

 

Modalità di presentazione della domanda

E’ stato prorogato al 30.9.2020 (originariamente 31.7.2020) il termine ultimo per la presentazione della domanda che va inviata, per mezzo dell’apposita piattaforma informatica provinciale e secondo la modulistica ivi disponibile.

 

Requisiti di ammissione al contributo

Per quanto riguarda i requisiti di ammissione, fermo restando quanto originariamente previsto, è stato modificato il requisito di ammissione:

a) relativo al volume di attività registrato su base annua alla data di presentazione della domanda o alla data del 30.9.2020 che deve essere maggiore di euro 12.000 e non superiore ad euro 5 milioni (originariamente era non superiore ad euro 1,5 milioni);;  

b) relativo al reddito registrato nell'ultimo periodo di imposta disponibile alla data di presentazione della domanda o alla data del 30.9.2020 che deve essere  pari o inferiore a euro 50.000 (originariamente euro 40.000). Per gli operatori economici che hanno iniziato l’attività nel periodo d’imposta 2019, il reddito conseguito deve essere pari o inferiore a  euro 50.000, commisurato al periodo dell’anno in cui l’operatore economico ha svolto la sua attività. Il predetto limite reddituale è incrementato di euro 15.000,00 per ciascun ulteriore socio, associato o collaboratore familiare che presta la propria attività lavorativa a favore della società, dell’associazione professionale o dell’impresa familiare alla data della dichiarazione dello stato di emergenza nazionale (31.01.2020), fino comunque a un limite reddituale massimo di euro 80.000,00 (originariamente erano euro 70.000.

 

Obblighi del beneficiario

Con riferimento agli obblighi da rispettare da parte dei beneficiari del contributo, con la delibera si è provveduto a precisare/modificare quanto segue:

a) di salvaguardare il livello occupazionale, garantendo per l’anno 2021 il numero di addetti in forza nel periodo 1 marzo 2019 - 29 febbraio 2020. Solo qualora vi sia una riduzione del volume di attività dell’anno 2021 rispetto al volume di attività dell’anno 2019, il vincolo sul numero di addetti da salvaguardare sarà proporzionalmente ridotto. In alternativa alla riduzione del volume di attività è comunque tollerato un margine di flessibilità del 20% nel calcolo del numero degli addetti (nuova previsione). 

b) di provvedere al regolare pagamento delle retribuzioni dei dipendenti;

c) regolare pagamento dei debiti nei confronti dei propri fornitori. Tale situazione sarà attestata da parte di un iscritto all’Albo dei dottori commercialisti ed esperti contabili o al Registro dei revisori legali, o da parte di un CAA (Centro di Assistenza Agricola), C.A.T.(Centro di Assistenza Tecnica) - H.U.B.- Società di Servizi controllate da un’Associazione di Categoria o da un Consulente del Lavoro, che attesterà che l'operatore economico ha provveduto a pagare le retribuzioni e - per almeno una quota pari al contributo ricevuto - i fornitori di beni e servizi.

d) di accettare ogni controllo, conservazione e messa a disposizione della documentazione attestante il possesso dei requisiti per l'accesso ai contributi e il rispetto degli obblighi derivanti dai presenti criteri fino al 31 dicembre 2025.

 

La violazione di uno solo degli obblighi assunti così come l’assenza o carenza anche di uno solo dei requisiti di ammissibilità richiesti potrà comportare la revoca del beneficio o delle maggiorazioni richieste. Si evidenzia che con la delibera sono state precisate e modificate anche le condizioni relative alla revoca punto 10 dell’allegato A. 

 

N.B. Per esaustivi dettagli consultare gli Allegati A e B  alla delibera, in particolare nel secondo allegato sono stati forniti precisi chiarimenti in merito alle modalità applicative dei criteri di concessione dei contributi. 

 


 

Allegato:

Delibera