Salta al contenuto principale
foto4 foto2 foto3foto1

INSIEME,

troviamo soluzioni

 
comprimi barra di ricerca
 

Briciole di pane

Home / Innova per l'Italia: appello a ricerca e imprese per arginare l’epidemia

Innova per l'Italia: appello a ricerca e imprese per arginare l’epidemia

La tecnologia e l'innovazione per la lotta al Coronavirus

24/03/2020

Il Governo lancia a imprese e mondo della ricerca una vera chiamata alle armi per contrastare il propagarsi dell’epidemia grazie a tecnologie capaci di contenere il virus e uscire il più velocemente possibile dall’emergenza in atto.

Il Governo, attraverso una un’iniziativa congiunta del Ministro per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione, del Ministro dello Sviluppo Economico e del Ministro dell’Università e Ricerca, insieme a Invitalia e a sostegno della struttura del Commissario Straordinario per l’emergenza Coronavirus, invita aziende, università, enti e centri di ricerca pubblici e privati, associazioni, cooperative, consorzi, fondazioni a proporre il loro contributo in processi, prodotti e soluzioni per rispondere all’emergenza causata dal Coronavirus nei seguenti ambiti:

 

  • Il reperimento, l’innovazione o la riconversione industriale delle proprie tecnologie e processi, per accrescere la disponibilità di dispositivi di protezione individuale (in particolare mascherine chirurgiche) e la produzione dei sistemi complessi dei respiratori per il trattamento delle sindromi respiratorie (inclusi singoli componenti).
  • Il reperimento di kit o tecnologie innovative che facilitino la diagnosi del Covid19, ovvero tamponi e elementi accessori o altri strumenti per la diagnosi facilitata e veloce, nel rispetto degli standard di affidabilità richiesta.
  • Tecnologie e strumenti che consentano o facilitino il monitoraggio e la prevenzione del Covid-19.

Saranno considerati solo i servizi e interventi che rispondano, tra gli altri, ai seguenti criteri:

 

  • I proponenti siano aziende (startup, PMI, grandi imprese), enti e centri di ricerca pubblici e privati, associazioni (che possono interagire con associati in grado di rispondere a queste esigenze), cooperative, consorzi, fondazioni e istituti, quindi non singole persone o professionisti.
  • Siano concrete proposte realizzabili in tempi compatibili con l’emergenza, pur senza alcun impegno od obbligo.
  • Possano mettere a disposizione, autocertificandosi, una componente significativa in termini di capacità produttiva e volumi per l’impiego sul territorio nazionale o a livello regionale in tempi brevi.
  • Siano indicati i tempi, le modalità e le possibili quantità per la realizzazione della proposta.
  • Siano validi per tutto il territorio nazionale o per una o più regioni.

Tutte le aziende, le associazioni, le Università, gli Enti di ricerca e gli Istituti hanno la possibilità di aderire compilando un form nella pagina dedicata all’iniziativa.