Salta al contenuto principale
foto4 foto2 foto3foto1

INSIEME,

troviamo soluzioni

 
comprimi barra di ricerca
 

Briciole di pane

Home / Associazione Panificatori della provincia di Trento: Marchio Qualità Trentino (Mqt)

Associazione Panificatori della provincia di Trento: Marchio Qualità Trentino (Mqt)

Come ottenere la certificazione e la licenza d'uso del Marchio Qualità Trentino

15/10/2018

PREMESSA

Nel 2011 la Giunta Provinciale ha approvato la creazione di un marchio di qualità, Marchio Qualità Trentino, con indicazione di origine, per assicurare la riconoscibilità dei prodotti agroalimentari territoriali ad elevato standard di qualità (attraverso specifici disciplinari approvati dalla Giunta provinciale).

Il Marchio Qualità Trentino (MQT) pertanto distingue sul mercato le produzioni agroalimentari trentine, indicandone l'origine e la corrispondenza secondo elevati standard di qualità, certificati da organismi di controllo indipendenti ed accreditati.

Il MQT ha due obiettivi principali: garantire da un lato il consumatore finale rispetto all'elevata (e certificata) qualità di offerta delle produzioni territoriali e contestualmente dare ulteriore forza al progetto di marketing territoriale del Trentino, valorizzando l'intera filiera agroalimentare provinciale attraverso la promozione di un brand in grado di evocare il territorio e di trasmettere qualità, genuinità e distintività nel vivere e nel produrre.

Chi intende utilizzare il Marchio Qualità Trentino deve essere in possesso del Certificato di Conformità, rilasciato dall’Organismo di controllo, attestante la corrispondenza alle norme contenute nel relativo disciplinare di produzione (Vedi ALLEGATO 1 - Disciplinare pane fresco e dolci da forno 24 gennaio 2020) ed inoltrare specifica istanza di licenza d’uso (Vedi ALLEGATO 2 - Modulo richiesta licenza marchio Qualità Trentino) a Trentino Marketing, indicando i prodotti sui quali si intende usare il marchio.

Il nuovo Regolamento d'uso del Marchio collettivo "Qualità Trentino" è stato approvato con delibera di modifica n. 212 il 14 febbraio 2020 (Vedi ALLEGATO 3 - Delibera 212 2020). Il Regolamento definisce le condizioni generali per il rilascio della licenza d’uso del marchio “Qualità Trentino”, unitamente alle finalità e all’ambito di applicazione dello stesso, alle procedure da seguire per l’ottenimento della licenza d’uso, ai contenuti e alla validità della stessa, al sistema di vigilanza e di controllo sul suo corretto uso, unitamente alle relative sanzioni.

---

Di seguito riportiamo un prospetto sintetico su come ottenere la certificazione e la licenza d'uso del Marchio Qualità Trentino:

ITER DI CERTIFICAZIONE

  1. Individuazione di un Organismo di Controllo Accreditato (Contattare la Segreteria dell'Associazione Panificatori per avere l'elenco degli organismi di controllo autorizzati per le produzioni biologiche);
  2. affidamento dell’incarico;
  3. elaborazione da parte dell’Ente di Certificazione di un Piano dei Controlli sulla base dello specifico disciplinare (Vedi ALLEGATO 1 - Disciplinare pane e dolci da forno 24 gennaio 2020), a cura dell'Associazione Panificatori;
  4. approvazione del Piano di Controllo da parte del Comitato tecnico Qualità Trentino **;
  5. predisposizione di un Manuale di controllo qualità interno (Contattare la Segreteria dell'Associazione Panificatori per avere indicazioni in merito);
  6. verifica in azienda, e nelle aziende appartenenti alla filiera, dei requisiti stabiliti dal disciplinare da parte dell’organo di controllo;
  7. emissione del Certificato di Conformità al produttore (se tutte le prescrizioni sono conformi ai requisiti del disciplinare).

ITER PER OTTENERE LA LICENZA D’USO DEL MQT: https://www.trentinoqualita.it/it/il-marchio/richiedi-il-marchio/

1. Per ottenere la licenza d’uso del MQT è necessario fare domanda a Trentino Marketing Spa dopo aver terminato l’iter di certificazione, allegando alla "Richiesta di concessione licenza d’uso non esclusivo del marchio collettivo Qualità Trentino" (Vedi ALLEGATO 2 - Modulo di Richiesta Concessione licenza d'uso non esclusivo del marchio MQT) i seguenti documenti:

  • Certificato di conformità rilasciato dall’Organismo di controllo;
  • Piano di Controllo approvato dal Comitato Tecnico **.

Una volta scaricato e compilato, il modulo va stampato, scannerizzato e inviato a marchiotrentino@trentinomarketing.org (Telefono 0461/219397).

2. L’apposizione del Marchio “Qualità Trentino” sull’etichetta del prodotto certificato e laddove possibile deve essere approvata da Trentino Marketing (Referente: Annalisa Lever, 0461/219385 – email annalisa.lever@trentinomarketing.org);

** Il Comitato tecnico Qualità Trentino, nominato con deliberazione di Giunta provinciale, è costituito da (Art. 8 del Regolamento d'uso del Marchio Qualità Trentino):

  • dal dirigente del dipartimento competente in materia di agricoltura o da un suo delegato, con funzioni di presidente (Alberto Giacomoni);
  • da un rappresentante della Fondazione Edmund Mach, quale membro tecnico (Valter Ventura);
  • dal dirigente della struttura provinciale competente in materia di valorizzazione dei prodotti agroalimentari trentini (Giuseppe Bax).

CONTRIBUTI

CONTRIBUTI PER INCENTIVARE PROGRAMMI DI CONTROLLO NEL PROCESSO PRODUTTIVO A GARANZIA DELLE DENOMINAZIONI DI ORIGINE E DELLE ATTESTAZIONI DI SPECIFICITÀ - legge provinciale 4/2003, art. 48 comma 1 e comma 3

Descrizione

Alcune attività di certificazione sono finanziabili attraverso un contributo gestito dal Servizio Politiche Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Trento, secondo quanto previsto dall’art. 48 della Legge provinciale n. 4/2003 comma 1 e comma 3 che incentiva i “programmi di controllo nel processo produttivo a garanzia delle denominazioni di origine e delle attestazioni di specificità” (Vedi ALLEGATO 5 – Contributi).

Chi può avviare il procedimento

Beneficiari dei contributi sono, nella fattispecie, le piccole medie imprese del settore agroalimentare, singole o associate.

Spese ammissibili

Vengono considerate spese ammissibili i costi dei controlli e le analisi sui campioni prelevati ed effettuati dall’Organismo di certificazione incaricato o abilitato (Iva inclusa, se rappresenta un costo per l’azienda).

Come fare (adempimenti e scadenze)

La spesa ammissibile non può essere inferiore a 1.000,00 euro e sono ammesse le spese effettuate dopo la presentazione della domanda di aiuto ed entro il 31 dicembre dell'anno di riferimento.

I contributi sono concessi nelle seguenti percentuali:

  • 100% del costo effettivo dei controlli, il primo anno
  • 85% il secondo anno;
  • 70% il terzo anno;
  • 55% il quarto anno;
  • 40% il quinto anno;
  • 25% il sesto anno

Per gli anni successivi non sono concessi contributi.

La domanda deve essere presentata nel periodo dal 1° gennaio al 15 giugno dell'anno di riferimento prima di sostenere le spese di certificazione, secondo le seguenti modalità:

  • Consegna diretta presso la struttura provinciale competente;
  • Tramite servizio postale con raccomandata con ricevuta di ritorno (fa fede il timbro postale di invio);
  • A mezzo fax o pec all’indirizzo: serv.politichesvilupporurale@pec.provincia.tn.it

Per informazioni, la referente è la signora Gloria Rizzi, Servizio Politiche Sviluppo Rurale, telefono 0461/495912, gloria.rizzi@provincia.tn.it.

Link sito PAT per informazioni

http://www.procedimenti.provincia.tn.it (Ricerca per Struttura | Servizio Politiche Sviluppo Rurale | Visualizza i risultati | Agevolazioni per la qualità dei prodotti per la certificazione dei prodotti riconosciuti a livello provinciale)

Normativa

Modelli

ALLEGATO 1

ALLEGATO 2

ALLEGATO 3

ALLEGATO 5

MANUALE D'USO